Emorroidi: problema risolto con il metodo THD Doppler


Vittorio, 57 anni, soffre di emorroidi da 4 anni.

In tutto questo tempo non ha seguito alcuna terapia e non ha modificato le sue abitudini.

Il problema è diventato sempre più fastidioso fino a condizionare pesantemente la sua qualità di vita.

Ha quindi deciso di rivolgersi al Dr. Ezio Veronese determinato ad affrontare e a risolvere il suo problema.

 

Un problema a lungo trascurato

Vittorio soffre di emorroidi da anni.

Il disturbo gli causava inizialmente disagi di lieve entità, ma è poi progressivamente peggiorato, diventando molto fastidioso.

Ciò ha spinto Vittorio a prenotare una visita proctologica.

Vittorio ammette di non essersi rivolto prima ad uno specialista per paura di affrontare il problema.

Tuttavia durante la visita con il Dr. Veronese viene a conoscenza di nuove tecniche mini-invasive, tra cui il metodo THD® Doppler, e decide di prendere in mano la situazione.

 

L’aggravarsi dei sintomi

Ciò che ha convinto Vittorio a sottoporsi all’intervento è stato l’aggravarsi dei sintomi, in particolare sanguinamento, dolore e fastidio generalizzato, soprattutto fuori casa, con notevole peggioramento della qualità di vita.

 

La soluzione: il Metodo THD® Doppler

Ho visto che era una tecnica che mi permetteva il rientro subito e che non dava grosse problematiche, quindi mi sono convinto a farlo

Durante la visita, il Dr. Veronese ha parlato a Vittorio del metodo THD® Doppler, illustrandogli come questa tecnica chirurgica mini-invasiva gli avrebbe permesso di tornare rapidamente alle proprie attività quotidiane e di limitare al minimo i disagi del dopo-intervento.

 

 

Il giorno dell’intervento: veloce e senza fastidio

“Non ho percepito alcun dolore o fastidio durante l’intervento”

Vittorio è arrivato in ospedale la mattina e dopo una veloce preparazione, è stato sottoposto all’intervento in anestesia spinale.

Con il metodo THD® Doppler si interviene su un’area del canale anale con una ridotta sensibilità del dolore e non si incidono né asportano tessuti: tutto ciò permette di ridurre al minimo il dolore e il disagio per il paziente sia durante l’intervento che nel post-operatorio.

Nelle prime 24 ore dall’intervento Vittorio ha percepito solo un lieve dolore nella zona trattata, normale dopo un intervento, ma molto più lieve di come si sarebbe aspettato.

 

Subito dopo l’intervento: lieve dolore e rapido recupero

A 24-48 ore dall’intervento il dolore era praticamente scomparso. Ho dovuto solo prestare qualche attenzione in più al momento di andare in bagno, ma nulla di particolare”

Nei giorni successivi all’intervento è particolarmente importante prestare attenzione alla regolarità intestinale e alla consistenza delle feci.

Un bolo fecale soffice e facile da evacuare permette di non irritare la zona trattata e favorisce un rapido e completo recupero.

Per questo è fondamentale curare l’alimentazione e assumere adeguate quantità di fibre e liquidi sia come buona abitudine generale che come specifica indicazione dopo un intervento di questo tipo.

 

Il ritorno alla normalità dopo pochi giorni. Senza farmaci

Dopo un intervento chirurgico è spesso necessario assumere farmaci per ridurre dolore e infiammazione.

Il Dr. Veronese chiede a Vittorio se dopo l’intervento con il Metodo THD® Doppler ha dovuto assumere analgesici per combattere il dolore.

“Mi era stata data indicazione che se avessi avvertito dolore, avrei potuto prendere degli analgesici. Ma nei giorni successivi non ho avvertito dolore, quindi non ho avuto necessità di prenderli. Non ho preso niente.”

 

A un anno dall’intervento… “Mi sento rinato!

“Mi sembra di essere rinato. Non ho più dolori, fastidio, nessun sanguinamento, ho una vita normale e in bagno vado senza problemi. La mia vita è decisamente cambiata”

Vittorio ha risolto il suo problema e consiglia il metodo THD® Doppler a chi soffre di emorroidi.

Se anche tu soffri di emorroidi, non rimandare il momento di affrontare il problema, convivendo con dolore e fastidio: prenota subito una visita proctologica vicino a casa tua e scopri di più sul Metodo THD® Doppler!

 

Anche tu hai effettuato un’operazione di emorroidi con il Metodo THD® Doppler? Raccontaci la tua esperienza! E se vuoi ricevere notizie sempre aggiornate su Salute e Benessere, iscriviti alla newsletter!

Trova un centro THD vicino a casa tua!

      Sei un medico e vuoi avere maggiori informazioni?

      (Visited 2.388 times, 1 visits today)

      Iscriviti alla Newsletter!
      Ricevi gli articoli di THD Salute e Benessere

      Unisciti agli altri 775 iscritti alla community!

      6 Commenti

      Lascia un Commento
      • Da qualche mese soffro di un forte prurito nel sedere, specialmente quando vado a letto.dopo essermi grattato dopo un po’ passa.sono emorroidi o che.qualche volta non spesso ho dei piccoli sanguinamenti.come posso rimediare.grazie

        • Gentile Pierpaolo,

          grazie per averci scritto.

          Prima di tutto è necessario assicurarsi di seguire gli accorgimenti giusti per una corretta igiene intima.

          Abbiamo parlato con il Dott. Veronese, che ci ha spiegato come curare l’igiene intima in caso di emorroidi..

          Il dott. Veronese ha spiegato l’importanza di una pulizia delicata tramite prodotti specifici come Deliclin® e Deliclin® Soap.

          Tuttavia il prurito può essere anche un sintomo di patologie colorettali da indagare, specie se associato a sanguinamento.

          La invitiamo quindi a prenotare una visita proctologica di controllo: con un esame semplice, veloce e indolore le sarà possibile capire la causa di questo suo fastidio e trovare l’iter migliore per risolverlo insieme ad uno specialista.

          A presto,
          THD Salute & Benessere

      • Ciao. Ho 15 anni e soffro di emorroidi da qualche anno. Non ho mai ricorso a nessuna operazione, solo rimedi naturali. Mi danno molto fastidio e mi mettono a disagio. Cosa posso fare?

        • Gentile Kyara,

          innanzitutto grazie per averci scritto.

          Il consiglio che possiamo darti è quello di rivolgerti ad un proctologo ed esporre a lui tutti i tuoi dubbi, perplessità e la sintomatologia che si è manifestata nel tempo.

          Solamente dopo un’attenta indagine da parte di uno specialista sarà possibile fare una diagnosi e individuare il trattamento più idoneo.

          Nella mappa che trovi alla fine dell’articolo, dopo aver digitato la tua città di interesse, potrai trovare tutti i centri a cui rivolgerti più vicini a casa tua. Per ogni centro troverai il nome del dottore a cui rivolgerti e il numero di telefono da chiamare per prendere un appuntamento.

          Ti auguriamo di poter risolvere il tuo problema il prima possibile e poter riprendere in mano la tua vita.

          A presto,
          THD Salute e Benessere

      • Buongiorno, io soffro da circa 6/7 mesi di ragati anali oltre a qualche punta di emorroidi, ma sono quelle che fanno meno male.
        Vorrei sapere se questo metodo è efficace anche per le ragati.
        Grazie Massimiliano

      Lascia un Commento

      L'indirizzo email non verrà pubblicato.

      Disclaimer Questo sito è a scopo puramente informativo e non va inteso come un sostituto del parere medico. Per qualsiasi problema di salute, THD vi invita a consultare il vostro medico curante. Copyright THD Spa © 2015.