Le proprietà della Batata

Molti di voi avranno pensato ad un errore di ortografia o ad una piccola svista… e invece no: stiamo proprio parlando della Batata, anche conosciuta come patata dolce o patata americana, una valida e salutare alternativa alla classica patata che tutti conosciamo.

 

Le origini della batata

Nonostante il nome simile, la batata non ha molto in comune con la patata tradizionale. Patata e batata appartengono infatti a due famiglie diverse: la patata, così come melanzane e i pomodori, fa parte della famiglia delle Solanacee, mentre la batata (Ipomea batatas) fa parte della famiglia delle Convolvulaceae. Inoltre la batata non è un vero e proprio tubero, ma una radice tuberosa o rizotubero.

Pur appartenendo a famiglie diverse, patata e batata hanno tuttavia una comune provenienza geografica: entrambe sono infatti originarie dell’America Centrale e Meridionale da cui sono state importate dagli spagnoli durante il sedicesimo secolo. Inoltre, così come la patata, anche la batata è oggi coltivata in tutto il mondo.

 

Gustosa e salutare

Il sapore dolce e gradevole della batata è un mix tra quello della patata e quello della zucca. Oltre ad essere gustosa, la batata ha anche numerose proprietà nutrizionali. Proprio per l’altissima concentrazione di sostanze nutritive importanti per la nostra salute, l’ente statunitense Center for Science in the Public Interest ha collocato la batata al primo posto nella classifica dei 10 alimenti più salutari.

La batata è infatti ricca di fibre, flavonoidi, vitamine A e C, e numerosi sali minerali come potassio, magnesio, ferro e calcio.

 

Dolce ma non troppo….

La polpa arancione della batata contiene carboidrati complessi che vengono trasformati dal corpo molto più lentamente rispetto alle patate, riducendo i cosiddetti picchi glicemici, ovvero i repentini innalzamenti dei livelli di zucchero nel sangue.

Inoltre la loro buccia, più liscia e spessa rispetto a quella delle patate tradizionali, è ricca di una sostanza chiamata cajapo, in grado di agire sul metabolismo di alcuni zuccheri abbassandone il livello nel sangue.

A differenza della buccia delle patate tradizionali, la buccia della batata è commestibile anche cruda, previo accurato lavaggio.

 

Un pieno di fibre

Anche l’elevata quantità di fibre presente in questo ortaggio aiuta a tenere sotto controllo la glicemia, oltre ad essere fondamentale per il corretto funzionamento dell’intestino: pertanto risulta utile nell’alimentazione di chi soffre di stitichezza.

E’ importante ricordare che qualora non sia possibile assumere un sufficiente quantitativo di fibre attraverso la dieta, l’utilizzo di specifici integratori alimentari come THD FibrAid® può rivelarsi un valido aiuto per preservare la regolarità intestinale.

 

…. e di bioflavonoidi

Ma la batata è anche una preziosa alleata per la salute del sistema cardiovascolare e del microcircolo venoso, grazie ai bioflavonoidi e alle sostanze antiossidanti di cui è ricca.

 

Quando e dove trovarla

Il periodo migliore per trovare la batata va da ottobre a marzo; purtroppo

può essere difficile reperirla tramite la grande distribuzione e per questo è preferibile acquistarla online o nei negozi di alimentazione biologica più forniti.

 

Curiosità…

La batata viene impiegata anche per la produzione di farina, fecola ed alcol e per l’estrazione di colorante rosso.

La nostra salute e il nostro benessere sono strettamente legati a ciò che mangiamo: per questo è importante conoscere le proprietà degli alimenti che mettiamo in tavola. Se desiderate rimanere sempre aggiornati su alimentazione e stili di vita salutari, iscrivetevi alla nostra newsletter!

 

Iscriviti alla Newsletter!
Ricevi gli articoli di THD Salute e Benessere

Unisciti agli altri 1,172 iscritti alla community!

Disclaimer Questo sito è a scopo puramente informativo e non va inteso come un sostituto del parere medico. Per qualsiasi problema di salute, THD vi invita a consultare il vostro medico curante. Copyright THD Spa © 2015.