Manometria anorettale: di cosa si tratta

La manometria anorettale è un esame ambulatoriale che si pone a completamento dell’iter diagnostico dell’incontinenza fecale.

Assieme all’ecografia ad ultrasuoni, infatti, la manometria permette di valutare la presenza di questa patologia e di studiarne le cause.

 

Manometria anorettale classica

La manometria anorettale è un esame che serve per rilevare le pressioni che il paziente è in grado di sviluppare all’interno del canale anale.

Le pressioni che si riescono ad ottenere sono strettamente collegate alla capacità di controllare il passaggio o meno delle feci, siano esse allo stato solido, liquido o di gas.

Ogni volta che vogliamo andare in bagno, dobbiamo rilasciare la muscolatura preposta alla continenza, così da permettere un transito delle feci quanto più regolare possibile e senza ostacoli.

Contrariamente, nei casi in cui desideriamo posporre la defecazione, questi muscoli devono riuscire a contrarsi ed impedire alle feci di transitare, in maniera volontaria e/o involontaria.

La muscolatura coinvolta in questi processi è composta da due fasce muscolari posizionate intorno all’ano, ovvero i muscoli sfinteri.

Cosa sono gli sfinteri anali?

La manometria è considerata un esame ambulatoriale che non richiede anestesia, dura generalmente dai 20 ai 30 minuti e si svolge come segue:

Il paziente viene fatto accomodare sul lettino di visita nella classica posizione proctologica, ovvero sdraiato sul fianco sinistro, e con le ginocchia leggermente avvicinate al petto.

Una volta assunta la posizione desiderata verrà delicatamente inserito nel canale anale un sottile catetere fino al raggiungimento dell’ampolla rettale.

Questo catetere è generalmente composto da un numero variabile di canali che, alimentati grazie all’introduzione in essi di acqua, rilevano la capacità pressoria del paziente nelle varie parti del canale anale.

Le pressioni rilevate vengono quindi convertite in grafici e valutate dal clinico, che può pertanto  fornire una diagnosi e a stabilire la capacità di continenza del paziente.

Le pressioni vengono rilevate però, oltre che a livello anale, anche a livello rettale.

Quelle a livello anale servono per capire qual è il grado di contrazione e rilascio dei muscoli sfinteri sopra citati, mentre quelle a livello rettale servono per studiare la sensibilità del muscolo della parete dell’ampolla rettale e della sua mucosa.

L’ampolla rettale è il luogo in cui le feci si depositano alla fine del loro transito nell’apparato digerente e in cui sostano fino a raggiungimento di una quantità tale da essere espulsa.

Viene quindi spontaneo immaginare che un problema legato a questo muscolo possa creare situazioni in cui si ha con maggior frequenza la necessità di andare in bagno rispetto al normale o, viceversa, situazioni in cui non si avverte lo stimolo ad evacuare nonostante il bisogno ci sia.

Questa sensibilità viene valutata grazie ad un palloncino situato sulla punta di questo catetere. Il medico provvederà a gonfiare questo palloncino fino a simulare lo stimolo defecatorio nel paziente.

 

Manometria anorettale moderna

La manometria anorettale sta subendo grandi cambiamenti negli ultimi anni, soprattutto a livello tecnologico.

È infatti stato messo a punto un nuovo sistema che permette di effettuare la manometria anorettale con enormi vantaggi sia a livello di comfort per il paziente che di accuratezza diagnostica da parte del medico.

Grazie ai nuovi strumenti ad oggi disponibili, con i quali THD sta rivoluzionando il panorama medico italiano e non solo, l’esame della manometria anorettale è stato reso innanzitutto più semplice da eseguire.

Sarà possibile infatti sottoporsi ad una manometria anorettale che durerà non più di cinque minuti e durante la quale verrà introdotta una piccola sonda nel canale anale, velocizzando enormemente i tempi di attesa e il momento vero e proprio dell’esame.

La manometria diventerà così alla portata di molti più specialisti della coloproctologia che, grazie anche alla facilità di interpretazione e di esecuzione di questo esame, faranno diventare questo lo standard nei loro ambulatori.

 

Hai problemi di incontinenza fecale e vuoi sottoporti ad una visita di controllo in cui valutare la tua situazione attraverso una manometria anorettale?

Trova il centro THD più vicino a casa tua!
[wpsl category=”manometria”]

Iscriviti alla Newsletter!
Ricevi gli articoli di THD Salute e Benessere

Unisciti agli altri 1,171 iscritti alla community!

Disclaimer Questo sito è a scopo puramente informativo e non va inteso come un sostituto del parere medico. Per qualsiasi problema di salute, THD vi invita a consultare il vostro medico curante. Copyright THD Spa © 2015.