Proprietà della boswellia serrata

La boswellia è una pianta che si può facilmente trovare nelle regioni subtropicali dell’Africa, dell’Arabia Saudita e in India, e appartiene alla famiglia delle burseraceae.

Nota anche come “albero dell’incenso”, questa pianta era utilizzata nei culti pagani dell’area mediterranea per disinfettare l’ambiente. Le sue resine infatti venivano bruciate nei luoghi sacri come si fa tutt’oggi con l’incenso.

Non tutti però conoscono le innumerevoli proprietà curative di queste resine, che vengono ricavate appunto dalla corteccia del tronco e dei rami della boswellia.

Fin dall’antichità la boswellia è stata utilizzata come elemento fondamentale nella medicina Ayurvedica, solo negli ultimi 40 anni è stata introdotta anche nella medicina convenzionale.

La boswellia è una pianta ricca di oleoresine, cioè miscele di resine e oli essenziali, e di gommoresine.

Queste gommoresine rappresentano la parte medicinale della pianta, cioè le sue sostanze attive, in quanto hanno al loro interno un alto tasso di oli essenziali (16% circa).

Date le innumerevoli proprietà ad essa riconosciute, la boswellia serrata è utilizzata nella produzione di saponi, cosmetici, alimenti e bevande.

 

Proprietà antinfiammatoria della boswellia serrata

L’azione antinfiammatoria della boswellia viene esercitata dall’acido boswellico contenuto nella resina.

Questo acido ha infatti dimostrato di avere l’abilità di inibire la biosintesi dei leucotrieni.

I leucotrieni sono delle molecole che contribuiscono ai processi infiammatori del nostro organismo.

Andando quindi ad inibire la loro azione, la boswellia permette di contrastare i processi infiammatori anche cronici.

Questa azione antinfiammatoria si riferisce in particolare a due ambiti del nostro organismo, quello osteo-articolare e quello gastro-intestinale.

In ambito osteo-articolare, numerosi studi hanno dimostrato l’efficacia della boswellia nella riduzione del dolore (circa dopo 90 giorni di trattamento) nelle persone con problemi articolari. È un toccasana quindi per le persone con problemi di artriti e reumatismi.

Spostando l’attenzione invece sulla parte gastro-intestinale la boswellia serrata, oltre a vantare proprietà antinfiammatorie su patologie comuni di questa zona, è stata ritenuta benefica anche per la funzione anti-ulcera a seguito della somministrazione per lunghi periodi di farmaci e altre sostanze che possono aver danneggiato l’apparato digerente.

 

Proprietà antibatterica della boswellia serrata

Alla boswellia deve essere anche attribuita un’importante azione antimicrobica.

Gli acidi boswellici sono risultati essere dei buoni coadiuvanti in diverse patologie infiammatorie riguardanti il tratto gastrointestinale, quali ad esempio il morbo di Chron.

Questi dati sono stati ricavati da studi clinici condotti su alcuni ceppi batterici presenti nel tratto intestinale (ad esempio E. faecalis, E. faecium e S. aureus).

 

Proprietà antiossidante della boswellia serrata

Da alcuni studi che sono stati condotti, alla boswellia serrata viene attribuita anche un’azione antiossidante.

Gli antiossidanti presenti in alimenti o sostanze, quali appunto la boswellia, hanno la funzione di neutralizzare i radicali liberi che si trovano nel nostro organismo e proteggerci dalla loro azione negativa.

Tutte le cellule del nostro corpo, lavorando alla costruzione e/o riparazione di ossa, pelle e muscoli, creano degli “scarti”, cioè delle molecole reattive dannose per il nostro organismo: i cosiddetti radicali liberi.

L’azione negativa di questi radicali si concretizza nell’accelerazione dei processi di invecchiamento cellulare, di deperimento del sistema immunitario e l’insorgenza di alcune malattie.

La boswellia in questo caso ci viene in aiuto in quanto va a contrastare questi radicali e purifica l’organismo.

 

THD, forte della sua esperienza nel trattamento della patologia emorroidaria, ha recentemente messo in commercio una crema ad azione topica, cioè da applicare direttamente sulla zona interessata.

Questa crema per le emorroidi ha al suo interno anche la boswellia serrata: sfrutta la sua proprietà antiossidante in combinazione con le altre sostanze attive al suo interno per un effetto sinergico nella riparazione dell’epitelio anale.

La boswellia serrata quindi, insieme alle altre sostanze presenti in questo trattamento, svolge un’azione protettiva, filmogena e lenitiva.

Come conseguenza, la boswellia contribuisce a contrastare i sintomi tipici della malattia emorroidaria, ovvero bruciore, prurito e irritazione.

Vuoi maggiori informazioni su questa patologia?

Parlane con uno specialista! 
      (Visited 2.090 times, 1 visits today)

      Iscriviti alla Newsletter!
      Ricevi gli articoli di THD Salute e Benessere

      Unisciti agli altri 774 iscritti alla community!

      4 Commenti

      Lascia un Commento

      Lascia un Commento

      L'indirizzo email non verrà pubblicato.

      Disclaimer Questo sito è a scopo puramente informativo e non va inteso come un sostituto del parere medico. Per qualsiasi problema di salute, THD vi invita a consultare il vostro medico curante. Copyright THD Spa © 2015.