Cosa fare in caso di emorroidi?


Il Dr. Ezio Veronese, Chirurgo Coloproctologo e Direttore dell’U.O.S. di Coloproctologia dell’Ospedale di San Bonifacio (VR), ci dà alcuni consigli su come comportarci in presenza di emorroidi.

 

Igiene intima e stile di vita

Negli stadi iniziali, quando cioè le emorroidi non si manifestano in forma grave e continuativa, una buona terapia medica associata ad una corretta igiene intima e ad uno stile di vita adeguato possono efficacemente controllare i sintomi della patologia.

Quando si fa riferimento ad uno stile di vita sano si intende una dieta equilibrata a base di fibre e una regolare attività fisica.

 

Quando è necessario operarsi

Tuttavia nei casi più gravi, che non rispondono positivamente alle terapie mediche e ai cambiamenti nello stile di vita, è opportuno rivolgersi il prima possibile ad uno specialista che valuterà se è necessario ricorrere all’intervento chirurgico.

A questo proposito, il Dr. Veronese invita a non farsi condizionare dai luoghi comuni che circondano questo tipo di intervento, come la convinzione che sia sempre caratterizzato da forte dolore e fastidio.

Prenota una visita specialistica!

 

Tecniche chirurgiche mini-invasive

Con lo sviluppo di nuove tecniche chirurgiche mini-invasive, il dolore e il fastidio comunemente associati a questo intervento risultano fortemente ridotti o quasi assenti, con risultati molto buoni ed effetti collaterali limitati.

Quindi, in caso di peggioramento dei sintomi, non bisogna avere paura di rivolgersi ad uno specialista e valutare la possibilità di sottoporsi al trattamento chirurgico.

 

Il Metodo THD® Doppler

Tra le più avanzate tecniche chirurgiche mini-invasive troviamo il metodo THD® Doppler.

Questa metodica permette di contrastare efficacemente la patologia emorroidaria, riducendo al minimo gli effetti collaterali e permettendo un rapido recupero e un veloce ritorno alle normali attività quotidiane.

Ascolta le testimonianze di alcuni pazienti

Il metodo THD Doppler, a mio parere, è la tecnica che dà più garanzie per quanto detto prima. Quindi non bisogna avere alcuna remora a rivolgersi al chirurgo che esegue questi interventi che permettono al paziente di tornare ad una vita perfettamente normale come quella che aveva in precedenza

 Trova un centro THD vicino a casa tua!

      Soffri o hai sofferto di emorroidi?

      Se desideri rimanere sempre aggiornato su queste tematiche iscriviti alla newsletter THD!

      Iscriviti alla Newsletter!
      Ricevi gli articoli di THD Salute e Benessere

      Unisciti agli altri 767 iscritti alla community!

      2 Commenti

      Lascia un Commento
      • Salve io ho 61 anni scrivo da Napoli, ho fastidi vari per delle emorroidi interne, purtroppo soffro di colon irritabile su base ansioso e quindi alterno periodi di diarrea a periodi di stipsi, qualche volta ho visto del sangue vivo ma sempre dopo sforzi per defecare, ho fatto la ricerca del sangue occulto nelle feci ed è risultato negativo e anche un test sempre sulle feci per la ricerca di cellule maligne anche questo negativo, mi hanno parlato di supposte o cure per la circolazione peer ridurre i fastidi.

        • Gentile Arturo,

          grazie per averci scritto.

          La prima cosa da fare è effettuare una visita proctologica per individuare la causa del suo problema.

          La invitiamo a cercare nella mappa dei centri il centro THD più vicino a casa sua.

          A presto,
          THD Salute e Benessere

      Lascia un Commento

      L'indirizzo email non verrà pubblicato.

      Disclaimer Questo sito è a scopo puramente informativo e non va inteso come un sostituto del parere medico. Per qualsiasi problema di salute, THD vi invita a consultare il vostro medico curante. Copyright THD Spa © 2015.